Giovedì, 28 Gennaio 2016 21:50

Sorella terra: la mostra sulla bellezza e fragilità del nostro pianeta

Scritto da
Vota questo articolo
(0 Voti)
JONAS BENDIKSEN/National Geographic Distretto di Gaibandha, Divisione di Rangpur, Bangladesh        		Durante le piene del fiume, i bambini si arrampicano sui bambù davanti casa tenendosi ben stretti JONAS BENDIKSEN/National Geographic Distretto di Gaibandha, Divisione di Rangpur, Bangladesh Durante le piene del fiume, i bambini si arrampicano sui bambù davanti casa tenendosi ben stretti

Le sabbie bianche di Orange Beach ricoperte di petrolio. Un ragazzo in Indonesia che getta la sua rete in mezzo ai fumi degli incendi boschivi. Il cadavere di un pesce che galleggia nelle acque inquinate a Grand Isle, in Louisiana. Un bambino che dorme in una scatola di cartone, in Guatemala. Un orso polare sulla fragile banchina polare delle isole Svalbard. Le abitazioni distrutte dalla sferza degli uragani Ivan e Katrina in Alabama. Una panoramica di città del Messico.

Sono queste alcune delle immagini che fanno riflettere nella mostra Sorella Terra, curata da Marco Cattaneo, ideata e realizzata dalla National Geographic e ospitata a Palazzo Braschi a Roma, fino al 28 febbraio.

Un' esposizione con gli scatti dei migliori fotografi legati ai temi trattati dall’enciclica Laudato si’ di Papa Francesco. Dalla magnificenza del creato, le immagini passano poi al degrado ambientale e umano, all’urbanizzazione selvaggia, l’inquinamento, gli esclusi, ma anche la biodiversità e la sostenibilità. Una madre bella, la terra in cui viviamo, che ci accoglie tra le sue braccia e protesta per il male che le provochiamo.

Sorella Terra nasce in occasione del Giubileo straordinario proclamato per la fine del 2015, e rappresenta un’ottima occasione per viaggiare tra le circa 70 fotografie che ritraggono in maniera chiara e drammatica, la sofferenza e la fragilità del nostro pianeta.

Oltre ad importanti nomi del settore come Jonas Bendiksen, James P. Blair, Ira Block, Jodi Cobb, Jad Davenport, David Doubilet, Steve McCurry, Jim Richardson e Ruben Salgado Escudero, per citarne solo alcuni, in mostra sarà presente anche il lavoro di Dave Yoder, che ha seguito e documentato per quasi un anno la vita quotidiana del pontefice per un reportage esclusivo pubblicato ad agosto 2015 dalla National Geographic.

Per approfondimenti sull'enciclica clicca qui

www.museodiroma.it

Letto 720 volte

MArteMagazine © 2007 | Associazione Culturale Procult . Tutti i diritti riservati


Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare l’esperienza di navigazione e per inviarti servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner acconsenti all’uso dei cookie Per saperne di più visita la nostra sezione privacy policy.

  
EU Cookie Directive Module Information