Venerdì, 05 Giugno 2015 16:29

E come estensione

Scritto da
Vota questo articolo
(0 Voti)
Estensione vocale di Maria Callas Estensione vocale di Maria Callas

E come estensione. Oggi quando parliamo di “estensione” il primo pensiero va alle tante forme di file informatici che quotidianamente utilizziamo su un PC, o piuttosto su uno smartphone o chissà quale altro dispositivo: l’estensione, appunto, indica il tipo di programma utilizzato per creare un determinato documento (.doc, .pdf, .mp3, etc…).

Ma cosa indica in musica il termine “estensione”? Comunemente, in musica, si usa per indicare l’intervallo di suoni riproducibili da parte di strumento musicale o di una voce: ad esempio, il soprano e il contralto hanno un’estensione vocale che permette di eseguire suoni alti nel primo caso, mentre il secondo arriverà a determinati suoni bassi. L’estensione è dunque la possibilità e la capacità di riprodurre una varietà di suoni che va da una data nota bassa ad un’altra nota alta.

Stessa cosa vale per tutti gli strumenti musicali: un oboe o un violoncello possono arrivare a riprodurre delle note basse, mentre un violino o un flauto riprodurranno delle note ben più alte, cioè più acute, tecnicamente si dice “di ottave più alte”.
Poi ci sono degli strumenti in cui la possibilità di suonare note basse e acute, è maggiore, come ad esempio il pianoforte. Delle cinque ottave che compongono la tastiera (cioè tutti i tasti bianchi e neri dal primo a sinistra all’ultimo a destra), possono essere riprodotte note di diversa estensione, dalle più basse a quelle più alte.
Ma una nota più acuta di quella che suona l’ultimo tasto a destra, non sarà possibile. Quella è la nota più alta che l’estensione del pianoforte può riprodurre.

La voce, al contrario, è uno strumento meraviglioso anche in questo: duttile, è possibile educarla, allenarla, estenderla con esercizi e studi fino a riprodurre con il canto una varietà di suoni che sembrerebbe impossibile da immaginare.

Come a dire, soprano non si nasce, ma ci si diventa! Certo, lì poi entrano in gioco altre variabili come la lunghezza e l’elasticità delle corde vocali, l’ampiezza della cassa toracica, la tecnica acquisita, la capacità dell’interpretazione e dell’espressione, la vena artistica. Certamente un uomo, intendendo di sesso maschile, pur volendo e anche facendo innumerevoli esercizi musicali, non potrà mai arrivare a riprodurre suoni come un soprano (un soprano è sempre donna). A meno che non sia stata “manomessa” la natura: tutti ricordiamo, attraverso il film omonimo, Farinelli che, come tanti cantanti nel passato, pur di mantenere una voce “bianca” (quella tipica dei bambini che erano gli unici cantori ammessi nel coro in chiesa perché appunto considerate voci “pure”) è stato evirato in modo tale che lo sviluppo fisico non vada a fare quel “lavoro” di mutamento delle corde vocali che riconosciamo in un adolescente nel suo passaggio verso l’età adulta. Con la sua voce angelica, Farinelli, divenne il cantante castrato più famoso in tutta Europa nel Settecento (nella foto, l'estensione vocale sul pentagramma di Maria Callas).

La voce potrebbe essere paragonata alla vita. Tutte e due possono essere estese, arricchite, con tecniche e studi, e con tanta volontà (ma anche tanta, tantissima pazienza) possiamo, se vogliamo, spostare il confine delle nostre possibilità, fare cose mai pensate e ogni volta accorgerci che possiamo impegnarci per fare tanto altro in più.
E chiudo con un motto che da un po’  ho adottato e che mi sembra bellissimo: la vita non si può allungare, ma allargare ed estendere, sì!

O.R.

Letto 1023 volte
Altro in questa categoria: « D. Diapason F come figura »

MArteMagazine © 2007 | Associazione Culturale Procult . Tutti i diritti riservati


Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare l’esperienza di navigazione e per inviarti servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner acconsenti all’uso dei cookie Per saperne di più visita la nostra sezione privacy policy.

  
EU Cookie Directive Module Information