Lunedì, 25 Giugno 2012 17:26

Dancechallenge

Scritto da
Vota questo articolo
(0 Voti)
ROMA- Al via il 28 giugno 2012 la prima edizione del Concorso Nazionale di Danza Dancechallange presso il Teatro Olimpico di Roma.



L'opportunità fornita agli aspiranti danzatori e allettante e varia, soprattutto per i destinatari del concorso, danzatori non professionisti.
Varia per la vasta gamma di categorie comprese all'interno della competizione che vede tre schieramenti in gara: Baby, Junior e Senior, che si potranno misurare in molte sezioni differenti: danza classica, danza moderna, jazz, hip hop e idee coreografiche, quest'ultima forse la più allettante visti i molteplici concorsi del genere che spesso dimenticano la composizione coreografica. Positivo perché ora più che mai un danzatore, professionista o meno, mosso dalla sua passione deve dimostrare che aspirare a questo lavoro non è solo avere un bel corpo che si muove in maniera armoniosa eseguendo degli ordini.

Prestigiosa è anche la giuria che premierà i partecipanti alla gara, che vede protagonisti giornalisti, coreografi, insegnanti e ballerini di diversa nazionalità e provenienza artistica, per la serie : ogni tanto l'Europa Unita c'è. Annoveriamo tra i giurati Elisabetta Terabust, eccellente etoile internazionale, Kledi Kadiu, danzatore televisivo, Elisa Vaccarino, critica, Irene Romano Bernardini, ideatrice di DanzaDance.com, Tomorr Kokona, direttore generale del concorso Dance Challenge di Londra, Blerina Arbana, direttore dell'Accademia Nazionale di Danza di Tirana ed infine Giuseppe della Monica, maitre de ballet del Teatro Massimo di Palermo.
I premi in palio sono molti e tutti allettanti: il montepremi è di ben 10.000 euro, e in più verrà assegnato un premio speciale DanzaDance, premio della critica ideato da Irene Romano e in ultimo ma non meno importante il premio speciale: un viaggio a Londra.
Non vanno dimenticate le borse di studio che verranno assegnate, parallelamente o al posto dei premi in denaro, in alcune scuole e presso molti stage estivi in Italia.
In conclusione non ci resta che sperare che vinca il migliore, quello che più di tutti è mosso da passione e coraggio, virtù necessarie per chi vuole solo tentare di bussare al portone della danza.

Giovanna Rovedo

Letto 971 volte

MArteMagazine © 2007 | Associazione Culturale Procult . Tutti i diritti riservati


Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare l’esperienza di navigazione e per inviarti servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner acconsenti all’uso dei cookie Per saperne di più visita la nostra sezione privacy policy.

  
EU Cookie Directive Module Information