Contagiato dalla febbre della Techno-Rave londinese dei primi anni novanta, a sedici anni estende i suoi orizzonti musicali al sound di scena in Germania. Il grande salto avviene nel 2011, quando il Re della Techno tedesca Sven Väth lo accoglie nelle file della sua Cocoon Recordings rilasciando l’EP Daybreak on Mars, che ottiene anche il riconoscimento di Richie Hawtin. Da lì il suo curriculum si arricchisce di collaborazioni con etichette e producer che fanno il giro del mondo: si unisce in partnership con Pig&Dan (Soma Records), pubblica per la Drumcode di Adam Beyer e per la Suara (suoi “colleghi” sono Hot Since 82, Tube & Berger e Gary Beck), fino a occuparsi dei remix ufficiali di Marco Bailey e Extrawelt.

Stiamo parlando di Mark Reeve, che abbiamo incontrato in vista della sua prossima partecipazione alla serata inaugurale di venerdì 16 ottobre al Brancaleone di Romadove presenterà insieme ad Asyncrono (qui la nostra intervista all’ideatore dell’evento Dario Pellegrino) un esclusivo showcase musicale Electrovinyl per novanta minuti di Dj set.

Pubblicato in Interviste

MArteMagazine © 2007 | Associazione Culturale Procult . Tutti i diritti riservati


Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare l’esperienza di navigazione e per inviarti servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner acconsenti all’uso dei cookie Per saperne di più visita la nostra sezione privacy policy.

  
EU Cookie Directive Module Information