Lunedì, 25 Giugno 2012 18:34

G. Torregrossa, Panza e prisenza

Scritto da
Vota questo articolo
(0 Voti)
coprtinapanzaeprisenzaUn romanzo che trasuda “sicilianità”, che ci rende partecipi degli eventi, che ci fa assaporare una Palermo in festa, che ci fa rammaricare per quel modo di vivere che ormai è connaturato a quest'isola e ai suoi abitanti.



n delitto che sembra di mafia, ma che nasconde l'animo torbido di un intoccabile, di un appartenente a quella casta che tutto fa e nasconde, che tutto sa ma tace. E nello sfondo religione e folklore insieme, lumache che cuociono nelle pentole, odore di soffritto e luci di fuochi d'artificio e una Santa che per i palermitani è immagine e riflesso di loro stessi, dei loro desideri e delle loro preghiere.
Protagonisti del primo romanzo giallo dell'autrice siciliana, o come viene meglio definito sulla quarta di copertina, di questo “canto d'amore per la Sicilia servito come un giallo”, sono tre poliziotti, grandi amici dai tempi dell'ingresso nell'arma. Lobianco, rispettabile e serio, irreprensibile questore, solido affidabile insomma padre e marito perfetto; Sasà, commissario ribelle in sella alla sua moto, ligio al dovere ma con i modi poco ortodossi, convinto che la mafia si combatta dal basso passa il tempo a controllare assicurazioni e a sequestrare mietitrebbie sperando nella rieducazione di un popolo che non avverrà mai. Occhi azzurri, fisico slanciato, grande amatore, insomma compagno ideale. E in mezzo lei, Marò, tipica donna siciliana, bella e formosa, lunghi capelli neri e occhi scuri in grado di destare l'attenzione di tutti i passanti. Intelligente ma spesso ingenua, si fida del suo fiuto e delle sensazioni emanate dagli oggetti e dagli ambienti e soprattutto ama perdutamente i suoi amici. E non di un amore fraterno, ne è innamorata dai tempi del loro primo incarico fra le montagne dell'Aspromonte e, da sempre indecisa, è rimasta sola nella speranza di riuscire, un giorno, a scegliere uno dei due.
Le loro vite si intrecciano continuamente tra lavoro, cene e confessioni più o meno piacevoli. La vita li mette spesso alla prova, interrogando e chiedendo e poi aspettando che siano loro stessi a capire dove andare e che fare. E così si ritrovano a dover affrontare nuovi incarichi, a risolvere uno strano omicidio, a cercare un pentito che infondo non devono trovare per poi capire tutto e rimanere fermi, immobili a vedere scorrere le cose da sé, a vedere una giustizia che lavora e si trova da sola. Il tutto con la consapevolezza di essere sempre in tre, di avere un appoggio sicuro, un riparo certo. Almeno fino a quando la vita lo concede...

Al suo quarto e ben riuscito lavoro, Giuseppina Torregrossa riesce a dare un immagine vivace, scorrevole e molto piacevole della Sicilia senza tralasciare quelle punte di amaro che caratterizzano chi in Sicilia c'è nato e l'ha vissuta. “L'ha vissuta” non “c'è vissuto”, perché la Sicilia si comprende e si sperimenta sulla propria pelle, si vive, si respira, si fa propria. Un quadro perfetto della vita all'interno dell'isola sapientemente condito da qualche deliziosa ricetta tipica e da una descrizione quasi palpabile dei suoi fiori, dei suoi odori, dei suoi colori. Come se assieme a Lobianco, Sasà e Marò ci fossimo anche noi, seduti con loro, panza e prisenza...

Giuseppina Torregrossa, Panza e prisenza, Libellule Mondadori, pp.187, € 10

Caterina Altamore

Letto 791 volte

MArteMagazine © 2007 | Associazione Culturale Procult . Tutti i diritti riservati


Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare l’esperienza di navigazione e per inviarti servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner acconsenti all’uso dei cookie Per saperne di più visita la nostra sezione privacy policy.

  
EU Cookie Directive Module Information