Giovedì, 02 Agosto 2012 17:34

La Rivista Intelligente

Scritto da
Vota questo articolo
(0 Voti)

[TEATRO]

larivistaintelligente emanuelascola 003ROMA- L’ultimo appuntamento della Rassegna Comicità Femminile alla Casa Internazionale delle Donne si è concluso con lo spettacolo delle ospiti de La Rivista Intelligente Laboratori, più comunemente chiamata Ellerì, andato in scena lo scorso 25 luglio, presentato da Laboratori Permanenti.

Nata da un’idea della scrittrice, giornalista, nonché fotografa Giovanna Nuvoletti, La Rivista Intelligente ha da poco compiuto un anno e il suo spirito ironico la rende particolarmente interessante, dinamica e eclettica, come le rubriche che in essa vengono ospitate: dal costume alla letteratura, dallo spettacolo allo shopping, passando per i media, strizzando l’occhiolino ai social network.
Proprio tenendo conto dello stile tipico della rivista, l’esibizione delle ospiti ha tirato fori il meglio del connubio tra ilarità e intelligenza, quella femminile, ma anche quella di ognuno di noi che aspetta il momento giusto per espandere i suoi orizzonti.
Caterina Casini, Silvia Nebbia, Silvia Luzzi, Alessandra Gigli, Mita Medici e Marina Viro sono salite sul palco per raccontare al pubblico storie di ordinaria quotidianità, accompagnate dalle musiche in sottofondo.

Piccanti e trasgressive quanto basta per destare l’entusiasmo del pubblico che ha riso e apprezzato la loro larivistaintelligente emanuelascola 008performance, le ospiti di questo ultimo appuntamento della rassegna hanno raccontato senza mezzi termini le vicissitudini di donne indecise, immature, troppo affaccendate nella vita di tutti i giorni, alcune più scaltre, altre meno avvezze agli isterismi del tempo che divora l’essere individuo e lo rende più conforme alla massa. Facebook, Twitter, il Partito Democratico e tarocchi da cui ci si aspetta un futuro migliore, tutto passa nelle mani e nella mente di queste donne curiose a cui non sfugge proprio nulla.
Il pubblico si diverte ma trova anche uno spunto di riflessione sulla violenza, molto spesso perpetrata ai danni di molte donne, un tema molto caro soprattutto alla comunità femminile che ha trovato nella Casa Internazionale delle Donne un centro in cui far convergere le idee e le esperienze personali e collettive con cui distruggere l’isolamento in cui versano molte donne nel nostro paese e non solo. La violenza fisica non fa più male di quella verbale, non lascia lividi più visibili di quella che si scaglia con le parole e vale la pena, anche in uno evento come questo in cui il divertimento è il primo ingrediente della serata, affrontare un argomento che non va in vacanza ma che troppo spesso passa in sottofondo.

Eva Di Tullio


Letto 993 volte

MArteMagazine © 2007 | Associazione Culturale Procult . Tutti i diritti riservati


Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare l’esperienza di navigazione e per inviarti servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner acconsenti all’uso dei cookie Per saperne di più visita la nostra sezione privacy policy.

  
EU Cookie Directive Module Information